La bozza di decisione Srep su Mps

In un Comunicato stampa dell’11 gennaio 2019, Banca Monte dei Paschi di Siena SpA fornisce alcune importanti informazioni finanziarie, in vista della loro imminente integrazione nel Prospetto relativo ai programmi di emissione internazionali della Banca.
Il 5 dicembre 2018 – si legge nella nota – la Banca ha ricevuto dall’Autorità di vigilanza una bozza di decisione che stabilisce i requisiti prudenziali, basati sul processo di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process, SREP) condotto ai sensi dell’articolo 4, paragrafo 1, lettera f), del regolamento (UE) n. 1024/2013 con data di riferimento 31 dicembre 2017 (“Bozza di Decisione SREP”). La lettera è provvisoria e la versione finale è prevista entro il primo trimestre 2019, al termine del processo SREP.
La Bozza di Decisione SREP stabilisce requisiti prudenziali sia quantitativi (fondi propri) che qualitativi per BMPS, e indica alcune raccomandazioni alla Banca:
Fondi propri: la BCE richiede a BMPS di mantenere un requisito patrimoniale SREP complessivo (Total SREP Capital Requirement, TSCR) dell’11% a livello consolidato, che include un requisito minimo di Pillar 1 (P1R) dell’8% e un requisito aggiuntivo di Pillar 2 (P2R) del 3%.
Guidance: la BCE si aspetta che BMPS si adegui su base consolidata ad un P2G dell’1,3%, rispetto all’1,5% del 2018.
Crediti deteriorati (Non-Performing Loans, NPL): BMPS ha ricevuto alcune raccomandazioni dettate dall’obiettivo della BCE di assicurare costanti progressi nella riduzione dei rischi preesistenti nell’area dell’euro e conseguire lo stesso livello di copertura per le consistenze e i flussi di NPL in un orizzonte di medio termine; si raccomanda a BMPS di implementare, nei prossimi anni (fino alla fine del 2026) un graduale aumento dei livelli di copertura sullo stock di crediti deteriorati in essere alla fine di marzo 2018, secondo una logica complementare alle indicazioni fornite nell’Addendum alle Linee guida della BCE per le banche sui crediti deteriorati (NPL) generati a partire da Aprile 2018.
Punti di debolezza/attenzione che BMPS deve affrontare: migliorare la redditività, inferiore agli obiettivi di Piano, e la posizione patrimoniale, indebolita dall’impossibilità di emettere la seconda tranche di obbligazioni T2 entro la fine del 2018 e dagli impatti diretti e indiretti della dinamica dello spread BTP-Bund, soprattutto considerando la significativa esposizione di BMPS al debito sovrano italiano.
Inoltre, “la bozza di lettera mette in evidenza le significative sfide poste dal piano di ristrutturazione sul lato del funding e sulla capacità di BMPS di attuare con successo la propria strategia di raccolta, viste le turbolenze che si stanno verificando nei mercati italiani” conclude il Comunicato stampa.

Categorie:Caso Mps

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...